«L’obiettivo? Una nuova pista più grande»

image_pdfimage_print

02 giugno 2014

«L’obiettivo? Una nuova pista più grande»
PADOVA. «Il Trofeo Pietrobelli rappresenta per noi il culmine della stagione: si tratta di un momento impegnativo, ma anche quest’anno il successo ci ha ripagato di ogni sforzo. Grazie a tutti». Alla…

PADOVA. «Il Trofeo Pietrobelli rappresenta per noi il culmine della stagione: si tratta di un momento impegnativo, ma anche quest’anno il successo ci ha ripagato di ogni sforzo. Grazie a tutti». Alla fine della giornata, per Patrizia Toniolo, direttrice della scuola di ciclismo Panther Boys che ha organizzato l’evento, l’inevitabile fatica lascia il posto alla soddisfazione. Da due mesi il suo team lavora a ritmo serrato per questa giornata: la prima gara che i riders nostrani e ospiti affrontano sulla pista rinnovata da meno di dieci giorni. Ora il circuito padovano può vantare delle curve paraboliche in cemento, come tutte le piste in Italia e all’estero. Un traguardo importante per il team padovano; ma resta al momento aperto un altro capitolo per il futuro, specie di fronte al grande successo del Trofeo Pietrobelli, che ha radunato all’impianto di Chiesanuova circa 600 persone, a dimostrazione della sempre crescente popolarità del Bmx. «Il nostro grande desiderio, la nostra priorità per i prossimi mesi e anni? Una nuova pista, con dossi più alti e una lunghezza di 300 metri contro gli attuali 270» dichiara ancora Patrizia Toniolo «Così da poter ospitare gare a livello nazionale e anche internazionale. La Panther Boys è diventata scuola di ciclismo federale, conta 80 iscritti e 10 istruttori, ed eventi come questo trofeo mobilitano un pubblico sempre più numeroso. Siamo pronti a fare questo grande salto di qualità». (p.r.)

 

323 More posts in News category
Recommended for you
PRIMA DELLA NAZIONALE NELLA PISTA DI PADOVA

Sabato 26 settembre, nella pista di padova è arrivata per la prima volta la nazionale,...